giovedì 1 dicembre 2016

La prima newsletter della Scuola Italiana di Arte del Processo - Processwork!

La prima newsletter della Scuola di Arte del Processo!

A dicembre inizia il nuovo anno della prima scuola italiana di Arte del Processo e Democrazia Profonda, secondo l'approccio del ProcessWork (Process Oriented Psychology) sviluppato da Arnold Mindell.

6 seminari in Umbria, Piemonte e Puglia per approfondire diversi temi attraverso la lente dell'Arte del Processo: facilitazione, diversità, relazioni, leadership, conflitti, corpo, sintomi, emozioni...e molto altro!

A questo link maggiori dettagli sul programma dell'anno 2016/2017!
Vuoi iscriverti alla scuola?
Compila il modulo on line

Visita il nostro sito, troverai risorse per approfondire, informazioni sul percorso, gli insegnanti e i costi: www.artedelprocesso.com



Seminari aperti
Il prossimo anno, tutti i seminari saranno aperti per i primi 3 giorni anche a chi non è iscritto alla scuola: 16 ore complessive con inizio alle ore 15 del venerdì e termine alle ore 15 della domenica.

Il primo seminario residenziale sarà nelle date 8-12 dicembre 2016 sulle colline dell'Umbria con vista sul lago Trasimeno

ARTE DEL PROCESSO: UN PERCORSO VERSO L'INTEGRAZIONE DELLE DIVERSITÀ

con Gill Emslie e Peter Ammann

Esploreremo e lavoreremo con:

• conflitti interiori, questioni personali, sogni e visioni
• esperienze corporee e sintomi
• i rapporti e le dinamiche interpersonali
• problemi collettivi, dinamiche sociali di gruppo e processi ecologici
Compila il MODULO DI ISCRIZIONE per iscriverti al seminario di dicembre!


Cos'è l'Arte del Processo?
Come funziona la scuola italiana?
Abbiamo provato a raccontarlo in 3 minuti di immagini e metafore...
Clicca sull'immagine per vedere il video :)
 

Sei curios* di vedere altri video? clicca QUI

Vuoi saperne di più sull'Arte del Processo e sulla Scuola? 
Visita il nostro sito: https://artedelprocesso.com/

Ti servono altre informazioni? Contattaci: artedelprocesso@gmail.com



giovedì 9 giugno 2016



24-25-26 giugno 2016 partecipa da 1 a 3 giorni, come più ti piace, a 
TRE GIORNI PER TE! alle Terme della Versilia

Emozioni, Stati Alterati e Sintomi fisici
10° Weekend Intensivo di Terapie Olistiche, Discipline Bio-naturali Orientate al Processo e Training in Facilitazione al Cambiamento  
con Dott.ssa Angelica D'Onofrio e Samuel Capecchi

...e Venerdì sera 24 giugno ore 20,30Watsu Everybody!
Serata di & Relax, Esplorazioni, Meditazione,Watsu & Bodymind work Acquatico in piscina termale calda Aperta a tutti: euro 40

E' possibile, su prenotazione, partecipare anche ai gruppi del mattino di sabato e domenica ore 8,30-10,00




Sintomi fisici e Stati Alterati

Di fronte a una prova impegnativa, ad una circostanza inaspettata, ad un'esperienza nuova, ad una persona con cui ci è difficile confrontarci, come un nostro superiore, o al contrario di fronte alla quale avvertiamo la nostra superiorità, tutti noi abbiamo vissuto momenti in cui ci siamo sentiti "alter-ati", cioè un pò diversi dalla persona che sentiamo di essere normalmente ed abbiamo percepito particolari sensazioni corporee o sviluppato sintomi fisici.

In quelle particolari circostanze viviamo una perdita temporanea della nostra normale consapevolezza, entriamo in uno stato di coscienza appunto "alterato" che sperimentiamo come "andare nel pallone" o "sentirsi come bloccati o paralizzati, terribilmente imbarazzati" oppure "indicibilmente infastiditi". In tali circostanze diciamo "vorrei poter scomparire" oppure "ero fuori di me, quella non sono io". 

Per qualche ragione ci sentiamo a disagio e siamo d'un tratto inspiegabilmente incapaci di agire secondo i nostri propositi, di pensare lucidamente o di mantenere il controllo di fronte a certi stimoli esterni o interiori.
Abbiamo incontrato uno dei limiti o confini della nostra personalità: qualcosa ci sfida portandoci "fuori di noi" e mostrandoci un aspetto di noi che non conosciamo.

Questo seminario utilizza il lavoro interiore, a coppie e di gruppo, sia a terra che in acqua calda termale, integrando principi e tecniche tratte dal Processwork, dalla Medicina Tradizionale Cinese, dalla terapia Cranio-Sacrale, dal Rilascio Somato-Emozionale, dalla psicologia sistemica e dalla fisica quantistica. 



Unisciti a noi in questo seminario. Esploreremo e apprenderemo:

- tecniche semplici ed efficaci di proteggerci dalla perdita di consapevolezza e dal disagio ad essa legato quando entriamo in uno stato alterato.

- come affrontare l'esperienza degli stati alterati e i sintomi fisici legati ai tuoi limiti e alle tue resistenze, le tematiche di ruolo, rango e potere, i fenomeni della proiezione e del Dreaming up alla base delle tue dinamiche interiori e di relazione, secondo la prospettiva innovativa dell'Arte del Processo o Processwork di Arnold Mindell..

- come allenarsi a riconoscere, cogliere e trasformare i segnali emergenti di alterazione (fisici, emozionali e mentali) quando sono ancora in forma minuta, prima che diventino ingestibili e ci sopraffacciano, lasciandoci imbarazzati, spossati, frustrati, nel peggiore dei casi abusati e traumatizzati. O prima che ci portino ad abusare degli altri.

- come facilitare sia il nostro che l'altrui stato alterato anche grazie alla straordinario supporto e alla generosa saggezza dell'acqua, maestra naturale di facilitazione.


A chi è rivolto questo intensivo (serata acquatica +  2 training days):
Seminario aperto a tutti, inclusi professionisti e non nel campo del benessere, delle discipline bio-naturali, della terapia, della facilitazione e dell'espressione artistica, che desiderano ampliare e arricchire la propria esperienza e competenza con tecniche e approcci innovativi facilitando la risoluzione di sintomi e/o disagi fisici ed emozionali, problemi relazionali, famigliari o sociali propri e altrui, a livello sia individuale che di gruppo. Potete partecipare come riceventi e/o come operatori/terapisti di supporto.


Riceverete trattamenti sia a terra che IN ACQUA CALDA TERMALE e farete esperienza di:
Osteopatia biodinamica, Terapia Cranio-Sacrale , tecniche di respirazione e di rilassamento, tecniche di Arte del Processo (Processwork), Terapia Somato-Emozionale, digitopressione Jin Shin Do® per il corpo-mente, Watsu (Shiatsu in acqua) e Bodymindwork acquatico.


Quando
Venerdì 24, Sabato 25 e Domenica 26 Giugno

Dove 
Terme della Versilia, Cinquale di Montignoso, Massa a 3 km da Forte dei Marmi ...a pochi metri dal mare!

Orari e Costi
- Venerdì: 20,30-23,30 (piscina termale): euro 40 
- Sabato: 8,30-10 (piscina termale); 11-13,30 e  15-18  (sala): euro 120
- Domenica: 8,30-10 (piscina termale); 11-14,00 (sala): euro 80
- Workshop intero: euro 200
Terapisti di supporto: euro 30 a giornata

Vitto, alloggio e ingresso piscina giornaliero NON  sono inclusi nel costo del seminario.
I costi NON comprendono l'ingresso giornaliero in piscina. 

Ingresso piscina termale (individuale giornaliero): euro 5 per i residenti presso la struttura termale, euro 10 per gli esterni.
Dove alloggiare: Contattateci per avere suggerimenti circa la migliore sistemazione per voi. Possibilitá di pernottare anche presso Villa Undulna - Terme della Versilia
Abbigliamento consigliato: costume intero, cuffia, ciabattine, accappatoio  (per la piscina) + abiti comodi, ad es. calze e tuta da ginnastica o simili.

Info e Prenotazioni:
Tel.  328 718 0143     Angelica
Tel.  3471821047       Samuel

sabato 14 maggio 2016

20-21-22 maggio 2016 partecipa da 1 a 3 giorni, come più ti piace, a 
TRE GIORNI PER TE! alle Terme della Versilia

Sintomi, Relazioni e Diversità
9° Weekend Intensivo di Terapie Olistiche, Discipline Bio-naturali Orientate al Processo e Training in Facilitazione al Cambiamento  
con Dott.ssa Angelica D'Onofrio e Samuel Capecchi


...e Venerdì sera 20 maggio ore 20,30Watsu Everybody!
Serata di & Relax, Esplorazioni, Meditazione,Watsu & Bodymind work Acquatico in piscina termale calda Aperta a tutti: euro 40

E' possibile partecipare anche ai gruppi del mattino di sabato e domenica ore 8,30-10,00

Sintomi, Relazioni e Diversità
Proprio come gli ecosistemi naturali e le società, anche noi siamo fatti di una straordinaria ricchezza e di un'incredibile bio-diversità interiore.

Ci sono parti di noi che ci piacciono di più, altre di meno, altre ancora ci sono per lo più sconosciute.
Alcune le accettiamo e le viviamo apertamente, hanno una voce e un ruolo evidenti.
Altre abbiamo bisogno di nasconderle perché spiacevoli o scomode per la loro diversità o estraneità.

In questo caso tendiamo a trattare parti di noi stessi come vengono trattate le minoranze emarginate in tutto il mondo: come fossimo diversi, scomodi, patologici, cattivi, inferiori o comunque non meritevoli di quell'attenzione e quell'amore che accordiamo invece ai modelli più accettati, privilegiati e acclamati dalla nostra cultura di maggioranza.

Ogni processo di esclusione, emarginazione, divisione e dis-integrazione può generare tensioni, disagi e sofferenze, sia fisiche che psicologiche.

Ma che succede se cominciamo a proteggere, apprezzare e amare ciò che siamo nella nostra interezza, inclusa la nostra "diversità" - se non davanti a tutti, almeno dentro noi stessi? ...specialmente la diversità di quelle parti di noi stessi che riteniamo responsabili per i nostri problemi e disagi?



In questo seminario eslporeremo e apprenderemo:
- un nuovo approccio ai disturbi fisici (e non solo) che compromettono la vitalità del nostro corpo e la serenità dei nostri rapporti umani;

- la percezione della propria diversità interiore dalla prospettiva transpersonale dell'Arte del Processo (Processwork);

- una democrazia più profonda dentro di noi, per dare voce ad ogni parte quanto all'interezza di noi stessi;

- come accogliere e supportare la diversità in noi e nell'altro per trasformare i nostri sintomi e creare benessere per il nostro corpo e le nostre relazioni;

- strumenti teorico-pratici per facilitare sia il nostro che l'altrui cambiamento e auto-guarigione anche grazie alla straordinario supporto e alla generosa saggezza di una maestra naturale di facilitazione: l'acqua.




















A chi è rivolto questo intensivo (serata acquatica +  2 training days):
Seminario aperto a tutti, inclusi professionisti e non nel campo del benessere, delle discipline bio-naturali, della terapia, della facilitazione e dell'espressione artistica, che desiderano ampliare e arricchire la propria esperienza e competenza con tecniche e approcci innovativi facilitando la risoluzione di sintomi e/o disagi fisici ed emozionali, problemi relazionali, famigliari o sociali propri e altrui, a livello sia individuale che di gruppo. Potete partecipare come riceventi e/o come operatori/terapisti di supporto.


Riceverete trattamenti sia a terra che IN ACQUA CALDA TERMALE e farete esperienza di:
Osteopatia biodinamica, Terapia Cranio-Sacrale , tecniche di respirazione e di rilassamento, tecniche di Arte del Processo (Processwork), Terapia Somato-Emozionale, digitopressione Jin Shin Do® per il corpo-mente, Watsu (Shiatsu in acqua) e Bodymindwork acquatico.


Quando
Venerdì 20, Sabato 21 e Domenica 22 Maggio


Dove 
Terme della Versilia, Cinquale di Montignoso, Massa a 3 km da Forte dei Marmi ...a pochi metri dal mare!

Orari e Costi
- Venerdì: 20,30-23,30 (piscina termale): euro 40 
- Sabato: 8,30-10 (piscina termale); 11-13,30 e  15-18  (sala): euro 120
- Domenica: 8,30-10 (piscina termale); 11-14,00 (sala): euro 80
- Workshop intero: euro 200
Terapisti di supporto: euro 30 a giornata

Vitto, alloggio e ingresso piscina giornaliero NON  sono inclusi nel costo del seminario.
I costi NON comprendono l'ingresso giornaliero in piscina. 

Ingresso piscina termale (individuale giornaliero): euro 5 per i residenti presso la struttura termale, euro 10 per gli esterni.
Dove alloggiare: Contattateci per avere suggerimenti circa la migliore sistemazione per voi. Possibilitá di pernottare anche presso Villa Undulna - Terme della Versilia
Abbigliamento consigliato: costume intero, cuffia, ciabattine, accappatoio  (per la piscina) + abiti comodi, ad es. calze e tuta da ginnastica o simili.

Info e Prenotazioni:
Tel.  328 718 0143     Angelica
Tel.  3471821047       Samuel

giovedì 25 febbraio 2016


IED FACTORY 
WORKSHOP 
Dal 22 al 26 febbraio 2016  
Sedi IED - Istituto Europeo di Design Roma

Una settimana intensiva di workshop trasversali 
sul tema Community - Sharing Emotion
Aperta agli studenti del secondo anno 
con artisti, fotografi, designer, registi 
ed esperti della comunicazione.

Sede IED Roma 
via G.Branca 122


L’ARTE DEL PROCESSO 
CO-CREATIVO 
ProcessMind meets 
Community Sharing Emotion 
Samuel Capecchi 
Aula 6 (22 Febbraio) 
Aula Magna (23-26 Febbraio)






domenica 13 dicembre 2015

La prima scuola italiana
 di Arte del Processo (Processwork)
        e Democrazia Profonda!
www.artedelprocesso.com




 Grazie ai nostri primi due teachers internazionali, Ana Rhodes e Reini Hauser, al team di traduttrici, Genny, Valentina e Rita, e ai 60 e più partecipanti al nostro primo intensivo residenziale "Dal Dreaming Body all'Essenza" - tenutosi dal 26 al 29 Novembre presso il bio-agritusismo Panta Rei a Passignano sul Trasimeno - che hanno reso possibile il decollo della prima scuola italiana di Arte del Processo e Democrazia Profonda (Processwork and Deep Democrracy).

Grazie ai 43 innamorati di Processwork italiani e stranieri iscritti a questo primo Anno Base e alle davvero straordinarie mie tre compagne di viaggio e co-fondatrici di questa "scuola orientata al processo", Angelica, Genny e Melania da cui sto imparando tantissimo, con cui sto crescendo e che ammiro e abbraccio dal cuore.
É un onore aver formato con voi il nostro core team e grandi sono la gioia e la soddisfazione aver portato questo sogno nella realtà del consenso insieme a voi!







Un ringraziamento speciale al più giovane studente, mio figlio Jean Shasa, per aver partecipato appena diciottenne all'apertura di questa scuola portando la sua bella e giovane energia, la sua libertà individuale, il suo mettersi coraggiosamente in gioco, il suo senso di convivialità e cocreatività! 
Che la sua presenza possa essere il miglior auspicio  per questa scuola e il simbolo di un'umanità nuova che, nonostante e grazie al "non sapere come", incontra la propria ispirazione e diventa ciò che veramente è... "strada facendo" e "insieme" agli altri conciliando la natura individuale e corale, benevola e predatrice, di questa cangiante sorprendente infinita realtá multi-D.


Infine un grande Grazie ad Arnold e Amy Mindell e colleghi, ad un tempo continuatori, innovatori e pionieri di una straordinaria esplorazione dell'esperienza umana, transpersonale, transdimensionale, transdisciplinare e transculturale, che da più di un trentennio onorano la storia naturale, i dolori e le gioie, i drammatici smarrimenti e i prodigiosi slanci della nostra umanità con l'affetto e la fiducia di Grandi Madri e Padri.


E naturalmente il Grazie più grande va allo Spirito del Processwork in Azione... che Ci sta possedendo tutti con la sua fantasmagorica, coraggiosa e compassionevole creatività... agendo come una mano su per il...beeeep!...dell'anima nostra, come fossimo i tragicomici pupazzi di un esilarante Muppet Show Cosmico!
Forse davvero, come ebbe a dire Tom Hanks, "Siamo i cartoni animati di Dio".
Mia nipote duenne Luce invece direbbe: SPLENTASTICO!

"La vita non ha a che fare col ritrovare sé stessi.
La vita ha a che fare con il creare sé stessi".
G.B.Shaw






Info: Samuel Capecchi
process oriented bodymind worker 
& creativity facilitator

tel. (+39) 3471821047
skype: samuel.capecchi
email: samuelcapecchi@gmail.com
web: www.samuelcapecchi.blogspot.it Visualizzazione di 20151213_220620.jpg


COS'E' L'ARTE DEL PROCESSO?

Dalla presentazione di Ana Rhodes e Reini Hauser del nostro primo Seminario Intensivo APERTO A TUTTI del prossimo Novembre 2015 in Umbria (vedi PROGRAMMA ANNO BASE):
Il Processwork è stato sviluppato nel corso degli ultimi 30 anni da Arnold Mindell e colleghi come approccio multidisciplinare e orientato all’esperienza di trasformazione personale e collettiva. Il Processwork si basa sulla psicologia di C.G. Jung, sulla psicologia umanistica e transpersonale e fa riferimento al nuovo paradigma della scienza (la teoria dei sistemi e la fisica quantistica), così come alle discipline spirituali quali il pensiero taoista e le moderne teorie della comunicazione e dell'informazione. Le sue attitudini spirituali derivano dalle psicologie transpersonali, dalle filosofie orientali e dalle tradizioni indigene.
L’obiettivo del Processwork è quello di lavorare con i vostri obiettivi individuali, e con gli obiettivi di ciascun gruppo. Con comprensione e consapevolezza, la formazione si concentra sul potenziamento della percezione di sé e sullo sviluppo del potenziale umano, così come sullo sviluppo di una democrazia più profonda – valorizzando tutti i ruoli, le posizioni, i sentimenti, le esperienze del corpo e gli stati alterati di un individuo, come anche del campo sociale. (…)
La o il praticante dovranno sviluppare un atteggiamento aperto e una mente da principiante verso tutte le esperienze della vita. Avranno bisogno di essere aperti per capire che il Processwork è un ‘Percorso che si crea strada facendo‘, che ci richiede di diventare segugi, scienziati e sciamani allo scopo di seguire un’esperienza di consapevolezza e assistere con rispetto allo svolgersi dell’Evoluzione. 
Il tema centrale siete voi come studenti, per approfondire le vostre abilità e le vostre attitudini nel sentire in qualità di facilitatori, leader e anziani (nel senso di saggi, elders in inglese). Il nostro obiettivo è di ampliare il repertorio di facilitazione per aiutarvi ad agire dal vostro io più profondo. 
La Facilitazione comprende lavorare con – Sogni e Esperienze del Corpo – Dinamiche di Relazione: livelli intra, inter e trans-personali – Facilitazione del Team e Dinamiche di Gruppo (processo di gruppo).
Il modello di percezione del Processwork è una struttura differenziata per strutturare la nostra percezione in termini di vicinanza e distanza dell’esperienza dalla nostra consapevolezza così come dai suoi canali di rappresentazione. La Struttura del Processo informa il facilitatore sulla direzione di intervento e sulle attitudini interiori (metaskills). 

Il Lavoro sul Sogno e sul Corpo: il concetto di dreambody (unità di mente e corpo) mostra come i sogni e le esperienze del corpo rispecchiano lo stesso processo di base contenente un’energia e un messaggio importanti. Sarà data dimostrazione di come lavorare con i sogni e con i sintomi del corpo, a partire dalla prima fino alla seconda formazione. 

Relazione e Dinamica di Gruppo: è intesa come un processo multi-livello in quanto specchio di noi stessi così come degli eventi inter e trans-personali. Il Processo di Gruppo orientato al processo costituisce parte integrante dell’approccio del Processwork alla facilitazione di gruppo, identificandone e sviluppandone le atmosfere, i ruoli e i ruoli-fantasma, la polarizzazione e il ruolo-interruttore, i punti caldi e i punti di comodo. (ulteriori i dettagli alla pagina PROGRAMMA ANNO BASE)  


Missione: questo corso di formazione in Processwork e Democrazia Profonda si propone di insegnare i principi di un nuovo paradigma multidisciplinare e transculturale per lavorare con gli individui, le coppie, i gruppi, le organizzazioni, le comunità e l’ambiente, riconoscendone e facilitandone i processi creativi ed evolutivi. Esso mette a disposizione un quadro teorico organico e solido, e una gamma di strumenti pratici per affrontare tutti quegli aspetti della nostra vita personale e collettiva che sperimentiamo come inquietanti, problematici o dolorosi.
La ferma convinzione è che anche i conflitti più duri, siano essi interiori o esterni, portino con sé la loro soluzione, e che la capacità fortemente richiesta sia quella di dare voce tanto alla totalità dell’insieme quanto a ciascuna delle sue parti.
La chiave è la pratica della consapevolezza per diventare consci del flusso di segnali ed eventi (processo) – anche quelli più sottili – che si manifestano nel “campo” della nostra esperienza sia soggettiva che oggettivamente condivisa nel momento presente e, ancora più in profondo, al livello della nostra essenza. Questi segnali sono potenziali indicatori di come trasformare problemi apparentemente impossibili in esperienze di guarigione e di crescita personale e collettiva.
Sviluppare differenti tipi di attenzione alla realtà, opportune attitudini verso la nostra e l’altrui esperienza umana e una speciale fiducia nel “intelligenza creativa” della vita ci consente di affrontare l’ampio spettro dell’esperienza umana attingendo ad una saggezza profonda che è già lì pronta all’uso, contenuta nella natura stessa degli eventi.
La scuola italiana di Arte del Processo e Democrazia Profonda ha pensato ad un percorso di apprendimento che si possa massimamente adattare alle esigenze di coloro che decideranno di farne parte.

QUI il programma di Anno Base di formazione in Processwork e Democrazia Profonda, che ha inizio a Novembre 2015


The First School of Process Work

and Deep Democracy in Italy!

To spread Processwork in Italy we thought of a learning process that can be maximally adapted to the needs of those who decide to join. The school is then in the whole building! If you are interested in participating, please contact us and tell us your dreams, needs and availability. Click HERE to our Foundation Year training program in Processwork and Deep Democracy starting in November 2015.
WHAT IS PROCESS WORK?

OPEN TO ALL on November 2015 in Passignano sul Trasimeno, Umbria, Central Italy (see the program on FOUNDATION YEAR)

From the presentation by Ana Rhodes and Reini Hauser of our first intensive seminar 
Processwork has been developed over the past 30+ years by Arnold Mindell and colleagues as a multidisciplinary and experience-oriented approach to personal and collective transformation. Processwork builds on the psychology of CG Jung, on Humanistic and Transpersonal psychology and relates to the new paradigm in science (system theory and quantum physics) as well as spiritual disciplines like taoist thought , modern theories of communication and information. Its spiritual attitudes stems from transpersonal psychologies, Eastern philosophies and indigenous traditions.
The goal of Processwork is to work with your individual goals, and the goals of each group. With awareness and mindfulness. The training focuses on improving self perception and unfolding of the human potential as well as the unfolding of a deeper democracy – valuing all roles, positions, feelings, body experiences and altered states in an individual and also in the social field. (…)
The practitioner will need to develop an open attitude and a beginner’s mind to all life experiences. She will need to be open to understand that Processwork is a ‘Path made by Walking’ that requires of us to become trackers, scientists and shamans in order to follow an experience with awareness and assist in the unfolding of Evolution with respect.
The central focus is you as a learner, to deepen your skills and feeling attitudes as a facilitator, a leader and an elder. We aim to broaden the facilitative repertoire to help you get closer to acting from your deepest self.
Facilitation includes working with Dreams and Body Experiences, Relationship Dynamics: intra, inter and transpersonal levels, Facilitation of Team and Group Dynamics: group process. With demonstrations in the middle, exercises in pairs and in small groups as well as group discussion.
The processwork model of perception is a differentiated framewok to structure our perception in terms of closeness and distance of experience from one’s awareness as well as its channels of representation. Process structure informs the facilitator’s direction for intervention and metaskills.
Dream and body work: the concept of the dreambody (unity of mind and body) shows how dreams and body experiences mirror the same underlying process who contains a significant energy+message. Various methods will be demonstrated to working with dreams and body symptoms, from first to second training.
Relationship and Group Dynamics: relationship is understood as a multilevelled process – as a mirror of our own selves as well as inter- and transpersonal events. In this intro seminar we will focus on a) the other as an aspect of self,  b) on interaction, the exchange of signals as intended and unintended (or double) signals as well as c) on transpersonal orientation to relationship work, life mythic processes. Process oriented group process is an integral part of the seminar.  The PW approach the group facilitation will be introduced and practiced. Atmospheres, roles and ghost roles, polarization and role switch, hot and cozy spots will identified and unfolded. (more details on  FOUNDATION YEAR)
PW is a multidimensional and multidisciplinary approach to change whose fundamental tool is awareness and ideal of reference is Deep Democracy.
PW is a practice of awareness. It uses the knowledge of our perception in order to understand who we are and what is really going on in the present moment, both at a consciously and at an unconscious level.
It integrates the knowledge of Jungian psychology, modern physics, Taoist thought, communication theory and quantum field theory, Western and Eastern wisdom, drawing on the entire human experience, from the millennial indigenous and shamanic one to the most advanced scientific theories.
The fundamental idea of ​​Processwork is that there is a profound intelligence and organizer behind every event in reality. To perceive, understand and amplify spontaneous and unexpected or uncontrolled feelings and events, as they were non-random rather meaningful signals to be followed and integratde into our conscious experience, allows us to find a guide, an orientation and an evolutionary transformation in our lives and intimate relationships with others and with the environment.
Processwork means working with the spontaneous process of events, both internal and external, as they manifest themselves, recognizing their importance, meaning and power. The power to help build the entirety of the experience of what we are and what we live. Recompose our own individual and collective experience of reality, within and without ourselves, by starting from the entirety of that experience is the prerequisite to make a change.
Therefore, it’s important to facilitate the perception of a fact: the PW is an approach to reality, a language of the possible, perhaps out of our ordinary experience but very concrete and immediately verifiable, a lifestyle change in a natural way, with maximum efficiency and with as little effort as possible. How? By learning to see, recognize and bring together both our rational and  spontaneous sides, and helping even the subtlest and tiniest signals of our human experience unfold and express themselves with equal dignity of the most apparent or strongest ones.
Neither one or the other alone give us the entirety of what we really are, so recognizing them, respecting them and using them both in real-time allows us to be ourselves with clarity and spontaneity and flow with the change taking place, that is, with whatever is going on there.
Deep Democracy is to give voice to the wholeness and to each of its parts. Whatever the object and the subjects in question, it is about making sure that each party develop its sense of responsibility for itself and for the wholeness to which it belongs, feel heard and respected, as well as the whole must be heard, respected and responsible to each of its parts. The result of this profoundly democratic spirit will not be a behavior dictated by the majority but something that is the entirety, the totality of the being in question.

Mission: this training course in Processwork and Deep Democracy aims to teach the principles of a new multi-disciplinary and cross-cultural paradigm able to work with individuals, couples, groups, organizations, communities and the environment, recognizing and facilitating the creative and evolutionary processes. It provides an  organic and solid theoretical framework, and a range of practical tools to deal with all aspects of our personal and collective experience, imcluding those that we feel disturbing, problematic or painful. The firm belief is that even the toughest conflicts, whether internal or external, bring within them their own solution, and that the ability strongly requested is to give voice to both the totality of the whole as much as to each of its parts.
The key is the practice of awareness to become aware of the flow of signals and events (process) – even the most subtle – that occur in the “field” of our experience, both the subjective one and the objective one shared in the present moment and, even more deeply, at the level of our essence. These signals are potential indicators of how to turn seemingly impossible problems into experiences of healing and personal and collective growth. Developping different types of attention to reality, appropriate attitudes towards our and others’ human experience and a special trust in the “creative intelligence” of life allows us to deal with a broad spectrum of human experience by tapping into a deep wisdom that is already there ready to use, contained in the very nature of the events.
Visualizzazione di 20151213_220620.jpg
Visualizzazione di 20151213_220620.jpg

Info: Samuel Capecchi
process oriented bodymind worker 
& creativity facilitator

tel. (+39) 3471821047
skype: samuel.capecchi
email: samuelcapecchi@gmail.comweb: www.samuelcapecchi.blogspot.itVisualizzazione di 20151213_220620.jpg